CR&S “DUU”

I remember the first time i saw this bike in the flesh: it was 3 moths ago or so, in Verona. I was really amazed by this realization because it stands so out of the crowd, it’s so refined you hardly believe it’s built around a mighty S&S engine. It’s somehow an halfway beetween a Buell ans a Ducati Diavel: a compact body, low external protrusions, a generous wheelbase, exposed mechanics and lovely details. These are the main visual features of this project.

Ricordo la prima volta che vidi questa moto dal vero: è stato circa tre mesi fa, a Verona. Ero rimasto davvero stupito da questa realizzazione perchè era una voce fuori dal coro, così ben rifinita che sembrava impossibile fosse costruita intorno ad un generoso propulsore S&S. Può ricordare una via di mezzo tra una Buell ed una Ducati Diavel: corpo compatto, poche sporgenze, interasse lungo, meccanica esposta e grande cura dei dettagli. Queste sono sicuramente le peculiarità di questo progetto.

Technically speaking the bike is made by an original frame, composed by a big tubular stainless steel structure above the engine, welded with a steel cradle framework and a couple of light alloy plates in the back.

A livello tecnico la moto è composta su di un telaio totalmente inedito, costituito da una struttura superiore tubolare in acciaio inox connessa con una culla in acciaio ed un telaio posteriore reggisella sempr ein acciaio ma unito tramite piastre in lega leggera.

Near the complete model, a partially assembled bike was exposed, just to let the visitors see the engine and the entire frame: this is certainly a good idea because works like these need to be checked in detail to notice all the craftmanship skills.

Vicino al modello finito era esposta una versione parzialmente assemblata, per consentire ai visitatori di apprezzare il motore ed il telaio: di certo un’ottima idea poichè elementi di questo tipo necessitano di esser eosservati in dettaglio per rendersi conto delle abilità artigianali impiegate.

The light alloy lateral plates connect the main tubular frame with the rear structure taht supports the saddle: their shape is wonderful (they’re machined light alloy) and create a caratheristic hole just in the visual center of the bike.

Le piastre laterali collegano la struttura principale in acciao inossidabile con la struttura posteriore reggi-sella: la loro forma è magnifica (sono ricavate dal pieno) e crea un caratteristico foro proprio nella zona centrale della moto.

The precision of the components realization is just amazing: check the rear suspension mount for example.

La precisione nella realizzazione dei componenti è stupefacente: guardate ad esempio il supporto superiore della sospensione posteriore.

The zone of the rear hub is full of noticeable piece of machinery: the wave brake disk, the end of the mono-arm, the crown wheel and its structure.

La zona del mozzo posteriore è ricca di dettagli davvero notevoli: il freno a disco a margherita dal disegno unico , la parte terminale del monobraccio, la corona e la sua struttura.

Among the hundreds of distinctive features of this project we cannot forget the headlight positioning: they’ve been moved to each side of the bike, leaving the zone beetween the forks simple and clean. I’m pretty sure this is actually the only motorbike with a concept like this.

Tra le centinaia di peculiarità di questo progetto non possiamo non annoverare una delle più evidenti, il posizionamento delle luci anteriori: sono state spostate sui lati della parte frontale, lasciando la zona tra le forcelle libera e pulita. Sono abbastanza sicuro che questa sia al momento l’unica moto con un concetto simile.

The powerhouse of this metal marvel is a big air-cooled American V-Twin, built by S&S Cycle: it’s the X-Wedge 117″ (1916 cc).

L’unità motrice di questa meraviglia di metallo è un grosso bicilindrico a V amaericano raffreddato ad aria, costruito dalla S&S Cycle: per essere precisi si tratta dell’X-Wedge 117″ (1916 cc).

The interior part of the mono-arm suspension system. – La visuale interna della sospensione monobraccio posteriore.

The back under-saddle structure and its welding. – La struttura del telaietto posteriore reggi-sella e le sue saldature.

The big stainless steel tube is also the fuel tank: here is the cap. – Il grande tubolare in acciaio inossidabile funge anche da serbatoio: queso è il tappo.

Creations like the CR&S DUU are here to testify that there’s still some genuine creativity and factory know how in italy nowadays. For further informations check the official site, you’ll find many cool facts and data!

Creazioni come la CR&S DUU sono qui a testimoniare che c’è ncora della genuina creatività e competenza industriale in Italia al giorno d’oggi. Se volete altre informazioni, date un’occhiata al sito ufficiale, troverete un sacco di nozioni e dati interessanti

2 responses

  1. enrico balestra

    bel servizio fotografico, peccato che non sia stato inserito il luogo dell’evento dove è stato possibile scattare queste foto.
    Il luogo è la galleria di un mio caro amico, atelier per l’arte contemporanea e il design, denominata “MC Magma”, di Milano in via Tortona 4.
    L’evento è stato organizzato per presentare la Duu – CR&S agli appassionati e specialisti di design, in occasione di Milano Design Week.

    Enrico Balestra

    April 27, 2012 at 3:01 pm

    • vero, mi sono dimenticato di citarla. Aggiorno l’articolo prima possibile, grazie dell’apprezzamento e della segnalazione!

      April 27, 2012 at 3:24 pm

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s