Best of custom @ Verona – Part 2

Sorry for being late but to have a non-stop mix of different flavours i decided to postpone the second part of the Motor Bike Expo 2012 coverage. So, enjoy these ladies!

Scusate il ritardo ma per garantire al sito  la sua continua alternanza di argomenti ho deciso di rimandare la seconda parte del reportage sul Motor Bike Expo 2012. Perciò ora godetevi queste bellezze!

Ehinger Kraftrad is the company behind these lovely builds. – Ehinger Kraftrad è il preparatore artefice di questa magnifica creazione.

The Knucklehead is from 1940 and features a 1956 straight leg-frame. I really like the twin exhausts on the left side. – Il motore Knucklehead arriva dal 1940 ed è inserito in un telaio fisso diretto del 1956. Trovo fantastici gli scarichi gemelli rettilinei sul lato sinistro.

This white marvel is the Snowracer, a peculiar ride expressly constructed to dig into snow, sand, mud and every dirty surface as the rear snow chains suggests. It features some original parts like Starrahmen structure and  a Flathead engine from 1946 in addiction to some innovative componentes like the Behringer brake. The snowracer has become very popular among HD enthusiasts and it has been featured in many magazines winning awards and special mentions.

Questa meraviglia è la Snowracer, un mezzo assolutamente unico costruito appositamente per affrontare neve, sabbia, fango e qualsiasi superficie alternativa all’asfalto come la catena posteriore suggerisce. Sfoggia alcune parti tradizionali come il telaio Starrahmen ed un motore Flathead del 1946 che ben si relazionano con alcuni pezzi innovativi come il freno Behringer. La snowracer è divenuta molto famosa presso gli appassionati di Harley Davidson ed è stata recensita e fotografata su molte riviste, guadagnandosi numerosi premi e menzioni speciali ai concorsi. 

This showstopper was in the Mag Europe sector: it’s called “Mission Impossible” and it has been built by Shaw Harley-Davidson for a client who wanted his Softail Rocker C to look like a Range Rover Overfinch Custom. They took this out-of-mind brief and created this monster. It is clearly inspired to one of their most famous specials, the Bell & Ross Nascafe Racer and features a Screamin Eagle 110 c.i. kit, Roland Sands heads and transmission covers, Performance Machine brakes, levers, wheels, transmission. The rear fork is from Rick’s Motorcycles and it houses a 300 mm Tire. The overall look is amazing, with its cleanness and all the nice details that pop out almost everywhere.

Questa attira-sguardi era enl settore di Mag Europe: è chiamata “Mission impossible” ed è stata costruita da Shaw Harley-Davidson per un cliente che voleva che la sua Softail Rocker C assomigliasse a un Range Rover Overfinch Custom. I customizzatori, sulla base di questo assurdo brief, hanno dato vita a questo mostro. E’ chiaramente ispirata ad una delle loro special più famose, la Bell & Ross Nascafe Racer ed è dotata di un kit Screamin Eagle da 110 pollici cubi, teste e carter trasmissione Roland Sands , freni, leve, cerchi e trasmissione Performance Machine. La forcella posteriore è della Rick’s Motorcycle ed ospita una gigantesca gomma da 300 mm. L’immagine nel suo complesso è stupefacente grazie alla pulizia ed ai bellissimi dettagli che spuntano un po’ ovunque.

“Schiacciasassi”, (roadroller) this is the name of this incredible special by Claudio Campestrini, owner of Verona Harley Davidson dealer. Take a look at its rear tyre and you’ll understand its name. The contrast beetween the fluo green of rims, uppe rpart of the tank, oil tank and some details really stands out from the glossy matt black of the frame, engine, transmission and suspension. The rear part has been cut down and it gives even more caracther to the bike

Schiacciasassi è il nome di quest’incredibile special creata da Claudio Campestrini, proprietario del concessionario Harley-Davidson di Verona. Date un occhio alla gomma posteriore e capirete il motivo del suo nome. Il contrasto tra il verde fluo di cerchi, parte superiore del serbatoio, serbatoio dell’olio e dettagli sparsi qua e là risalta  sul nero opaco metallizzato del telaio, motore, trasmissione e ciclistica. L a parte posteriore è stata troncata e questo conferisce ancora più carattere alla moto.

This off road tire equipped HD was sitting in the Rokker stand: Rokker is a brand for bikers that produces clothing and apparel. – Questa Harley equipaggiata con gomme da sterrato era esposta nello stand Rokker, un marchio per bikers che produce abbigliamento ed accessori.

A moka painted on the fuel tank gives the sense of this bike’s spirit: Nervosa. – Una caffettiera Moka dipinta sul serbatoio della benzina restituisce il senso dello spirito di questa moto: Nervosa.

more japanese goodness. – altra maestria giapponese.

All terrain tyres and a long black silencer for a different interpretation. – Gomme per tutte le occasioni e un lungo terminale nero di recupero per un’interpretazione decisaemnte differente.

This incredible buid is a Bonneville racere, created by the guys at Zen Motorcycles: the purpose behind its creation is to beat the 1000 A-PG class land speed record. A single loop rigid frame is built around a Buell XB9 engine: there is no gearbox, only a clutch to put the power to the ground. And there are no suspension at all, only a small disc brake to stop it. It is called Hagakure tribute and it’s a an hommage to Masayuki Morimoto’s boardtracker Harley. I was disappointed that such a marvelous creation was sititng in a tight and bad-lightened zone so i couldn’t collect all the shots i desired. Hope to see it again in the flesh, check this video to have an idea of its astonishing stance.

Questo ferro incredibile è una Bonneville racer, creata dai ragazzi della Zen Motorcycle : l’obiettivo dietro questo progetto  è di battere il record di velocità nella categoria 1000 A-PG.  Il telaio fisso è costruito intorno  a un motore Buell XB9: non c’è cambio, solo una frizione per trasmettere a terra la potenza. E non ci sono sospensioni, solo un piccolo freno a disco per fermarla. Il suo nome è Hagakure ed è un tributo alla Harley boardtracker di Masayuki Morimoto. Ero un po’ scocciato dal fatto che una simile perla fosse sistemata in uno spazio relativamente angusto e poco illuminato, motivo per cui non sono riuscito ad ottenere gli scatti che avrei desiderato. Spero davvero di rivederla presto dal vivo, date u’occhiata a questo video  per avere un’idea della sua pazzesca presenza.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s