A matter of love/hate, awareness, respect.

Following motoring events is not simply a phisically/technically involving passion. It’s something that concerns personal belief and somehow responsibility because it’s a non-stop sequence of choices: which events to cover, how to cover them, which car or bike  to shoot and why. And obviously when  you choose there is a number of things that will be excluded, both for logistic reasons and for personal ethics.

Seguire eventi motoristici è una passione che non coinvolge solamente a livello tecnico/fisico. E’ qualcosa che mette in gioco le convinzioni personali ed in qualche modo la responsabilità, poichè comporta una continua serie di scelte: quali manifestazioni coprire,  come riportarle, quali auto o moto fotografare e perchè. Ed ovviamente quando si sceglie c’è un certo numero di cose che verranno escluse, sia per ragioni logistiche che di deontologia personale.

When it comes to historical cars the situation gets more and more complex because you’ve not to consider only your taste and ideas but also if the cars are in keeping with traditions and iconic imaginery. I mean, i’m not an integralist for period-correct respect but i like properly done things: you want to keep things safe? make something that respect the era from which the car comes from. You want to make thigs differently? well built something on purpose, using imagination but with automotive and style consciousness. Otherwise it won’t work, this is my advice and this is the way of thinking that brought so much appeal to many styles in the world.

Quando poi si tratta di auto storiche la situazione si complica poi ulteriormente poichè non bisogna considerare solo le proprie idee e i propri gusti ma anche se le auto sono conformi con le loro tradizioni e con l’immaginario che le accompagna. Mi spiego, non sono un integralista nel rispetto della correttezza a tutti i costi ma apprezzo le cose ben fatte: vuoi andare sul sicuro? affidati a qualcosa che rispetti l’epoca da cui la tua auto proviene. Vuoi realizzare qualcosa di diverso? allora costruisci qualcosa che abbia un proposito, usando immaginazione ma anche consapevolezza riguardo lo stile ed il mondo automobilistico. Altrimenti non funzionerà, questoè il mio consiglio e questo è il modo di pensare che ha portato così tanto seguito a numerosi stili nel mondo.  

I don’t want to be polemic but i suppose many event in italy are more interested in quantity that quality. I know it’s not easy to find a good number of participants with all the ostracism against car enthusiasts and all the problems due to the economic crysis but i thinks that the overall level of cars is what gives a show its value.

Non voglio risultare polemico solo pe ril gusto di esserlo ma ritengo che molti eventi in Italia siano più interessati alla quantità che alla qualità.. So che non è facile trovare un buon numero di partecipanti con tutto l’ostracismo generatosi negli anni contro gli appassionati delle quattro ruote e con i problemi relativi alla crisi economica ma credo che il livello medio delle macchine iscritte sia ciò che va poi a conferire il valore alla manifestazione.

These considerations are becoming usual when i come across appointments like Garlenda 500 International meet where it’s possible to find hundreds of models of one of the the most famous little commuters in history: the problem is that many of them are modified and coloured in wrong ways, ruining both the historic feel of the event and the funny side of it. The selection of pics you find here is a long work of exclusion, looking for the right cars at the right time. Most of you could not agree with my point of view but the most challenging part of running a blog is to define a note and i’m working on it.

Queste considerazioni stanno ormai diventando ricorrenti quando raggiungo situazioni come il raduno internazionale delle 500 di Garlenda, dove è possibile trovare centinaia di esemplari di una delle più famose utilitarie della storia: il problema è che molti di essi sono modificati, trattati e verniciati in maniera sbagliata e spesso insensata, rovinando sia quello che è il sapore storico della manifestazione sia il suo lato più divertente. La selezione di immagini che trovate qui è un lungo lavoro di esclusione, alla ricerca delle auto più indicate nelle situazioni e momenti giusti. Molti tra voi potranno non essere d’accordo col mio punto di vista ma il lato più impegnativo del portare avanti un blog è definire un taglio, una linea di pensiero ed è ciò su cui sto lavorando.

Genuine restored models are always the best way to give a car like this its historic tribute. Only few cars in the world could look so good straight out-of-the-box after nearly 6 decades.

Le versioni restaurate e mantenute secondo i canoni più genuini sono sempre la via migliore per riconoscere ad un modello come questo il suo contributo storico. Solo poche auto nel mondo possono risultare ancora così piacevoli e “giuste” nella loro forma originale, come uscirono dalla fabbrica, dopo quasi 6 decadi. 

This one, for example, was an heavily modified 500 coming from Great Britain: the owner replaced the stock tiny powerplant with a more generous unit, a 1500 4 cilynders boxer Alfa Romeo good enough for 130 hp. To house the new engine he removed back seats and widened the rear arches. Although he added a couple of un-necessary bumpers and badges, he did the work keeping a nice and clean look, that just does justice to the heavy mechanic transformation.

Questa, per esempio, era una 500 proveniente direttamente dalla Gran Bretagna e pesantemente modificata: il proprietario ha rimpiazzato il minuscolo bicilindrico di serie con un motore boxer 4 cilindri Alfa Romeo da 1500 cc in grado di erogare ben 130 cavalli. Per ospitare la nuova unità ha dovuto rimuovere i sedili posteriori ed allargare i passaruota posteriori. Nonostante l’aggiunta di un paio di paraurti superflui e di una serie di targhe e targhette anch’esse evitabili è riuscito a mantenere un’immagine globalmente pulita che rende giustizia al grande lavoro svolto sulla trasformazione meccanica.

The hardest message to spread in this country, especially when t comes to cars and car modifications, is that – visually speaking – less is more. But on the other hand people are too busy in adding stickers, badges, colours, plates, fake aero bits and whatever testify you’re  a car person: and that’s the worst thing you can do, especially on a iconic ride like the 500.

Il messaggio più arduo da diffondere in questo paese, specialmente quando si parla di interventi sulle auto, è che – a livello visivo – “less is more”. Invece quasi sempre la gente è troppo impegnata ad aggiungere adesivi, emblemi, colori, targhe, parti aerodinamiche finte e tutto ciò che possa testimoniare che si è dentro a quel mondo: ed è la peggior cosa che si possa fare, specie su un mezzo iconico come la 500.

Take this red one: nice and clean, good drop, good stance, period correct wheels…why those two stickers? why there?

Prendete questa rossa: bella, pulita, una piacevole riduzione dell’altezza da terra, ruote della giusta epoca e sufficientemente larghe per riempire a dovere i passaruota bombati…e poi perchè quegli adesivi? perchè proprio lì?

This green model was sporting a lenghtwise mounted in-line Abarth 4 cylinder engine conversion.

Quest’esemplare verde sfoggiava un trapianto di propulsore, un Abarth 4 cilindri in linea montato longitudinalmente.

This “Giardinetta” from Germany had that subtle “sleeper” look that makes me go crazy.

Questa Giardinetta proveniente dalla Germania aveva quell’aspetto poco appariscente ma che cela sorprese che mi fa impazzire.

There are some cases when stickerbombing is allowed: transforming your quarter panel window in a collection of memories from the travel you made with the car is definitely a cool idea.

In alcuni casi l’abuso di adesivi è consentito: trasformare uno dei vetri posteriori in una collezione di ricordi dei viaggi svolti con la propria vettura è sicuramente un’ottima idea.

Speaking of modification, as you can see, i’m a really open-minded person: if a car is transformed in something else on a purpose – in this case race on hillclimb and slalom tracks – that make sense. The “beacuse race car” flavour allows you to work on its shape to house new mechanical components to get better performances.

The camping area is definitely where the true passion from grassroots enthusiasts comes out. In the football ground hundreds of people coming from alle Italy and Europe (sometimes even beyond this limits) pitch camp near their cars so it defines a really unique landscape: a sequence of round roofs and round tenths that gives this event his most peculiar side.

L’area dedicata al campeggio è sicuramente quella dove emerge la passione dei seguaci più ruspanti. Nel campo da calcio del comune centinaia di persone provenienti da tutta Italia e tutta Europa (spesso anche oltre questi confini) si accampano vicino alle loro auto creando un paesaggio davvero unico: una sequenza di tetti arrotondati e tende che conferisce all’evento uno dei suoi aspetti più peculiari.

I suppose Stewie agrees with my opinions. – Credo che Stewie condivida i miei pareri.

I quite appreciated the subtle look of this grey one, with its nice stance and its 1000 Miglia rims.

Apprezzo molto il look così poco appariscente di questa 500 grigio pastello, ribassata e con cerchi 1000 Miglia.

Same point of view of a last year shot but different car and different moment.

Stessa inquadratura dello scorso anno ma un’altra auto ed un momento differente.

Widened fenders in an almost immaculated blue paint for this model coming right from Switzerland.

Parafanghi allargati e una vernice blu pressochè immacolata per questo esemplare arrivato direttamente dalla Svizzera.

perfect match: vintage style caravan in color match with “its” 500. ideal for the incoming holydays.

Connubio perfetto: roulotte vintage in pandan con la “sua” 500. Ideale per le imminenti vacanze.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s