Gold car @ golden hour

Could a car really be photogenic? I mean not looking good but really killer? Well i wasn’t convinced that a thing like this could be true but after seeing this ’59 Pontiac Catalina i’m totally persuaded. I’m not the only one to think that in 50s/60s/70s American design reached unequalled visual standards and the more time passes , the more it becomes iconic.

Può un’auto essere davvero fotogenica? Nel senso, non intendo essere bella ma assolutamente devastante? Non ero del tutto convinto che una cosa del genere potesse presentarmisi ma dopo aver visto questa Pontiac Catalina del ’59 sono totalmente persuaso. Non credo di essere l’unico a ritenere che il design americano degli anni ’50-’60-’70 abbia raggiunto vette ineguagliabili a livello visivo e più il tempo passa più esso diventa iconico.

This 1959 Pontiac Catalina is the best way to expose my thoughts: there are so many details, friezes, decorations that it’s hard to believe someone has designed and built it in a factory. The lowride style this car follows enhances its volumes and lines, making it a truly unique object to see here.

Questa Catalina del 1959 è il miglior modo di esporre il mio pensiero: ci sono così tanti dettagli, fregi, decorazioni che si fa fatica a credere che qualcuno l’abbia progettata e costruita in uno stabilimento. Lo stile lowride che questo esemplare segue non fa altro che accentuare le linne ed i volumi, rendendola un oggetto davvero unico da ammirare qui da noi.

Every corner is studied to capture eyes, playing with lights and reflections: usually cars are designed to have a certain volume and a number of details to make its brand and personality stand out but leaving other parts to their ordinary function without any appeal. This Catalina (and many other cars from that era, especially if modified) seems not to have weak points because every inch has a story to tell, a form to discover, a reflection to distort.

Ogni angolo è studiato per catturare gli sguardi, giocando con la luce ed i riflessi: solitamente le macchine sono progettate per avere determinati volumi ed un certo numero di dettagli per far emergere gli stilemi del marchio e la sua personalità, lasciando il resto dei componenti alla loro mera funzione senza un particolare richiamo. Questa Catalina (e molte altre auto di quell’epoca, specialmente se modificate) sembrano non avere punti deboli poichè ogni centimetro ha una storia da raccontare, una forma da scoprire, un riflesso da distorcere.

It was so useful and funny to exercise myself shooting at it from every angle with every kind of camera setup. When you have a little bit more time to focus on a car you’ve the chance to capture its soul, or at least understand which and where it is.

E’ stato così divertente ed utile esercitarmi a scattare da ogni angolo possibile con qualsiasi tipo di regolazione della macchina fotografica e degli obiettivi.. Quando si ha un po’ più di tempo per concentrarsi su un’auto si ha la possibilità di cercare di catturarne l’anima, o quantomeno provare a capire quale e dove sia.

Like many other cars (and objects ) from that era the Catalina is heavily influenced by aeronautic design  and fictional space ships imaginery: you can notice it in many parts of the body and in many non-functional details added to give the car its caracter and flavour. I think we’ll see no more parts like these on today and tomorrow cars because honestly there are no reason for them to be used: but like most of the useless things they soon become matter of passion and style.

Come numerose altre auto (ed oggetti ) di quell’epoca la Catalina è pesantemente influenzata dal design aeronautico e dall’immaginario delle navicelle spaziali di film e fumetti: lo si può notare facilmente in numerosi punti della carrozzeria e in diversi dettagli non funzionali aggiunti per dare all’auto il suo carattere ed il suo sapore particolare. Non credo vedremo ancora pezzi simili sulle auto di oggi e di domani perchè onestamente non c’è nessun motivo perchè essi vengano impiegati: ma come molte cose “inutili” essi sono diventati una questione di passione e stile.

So you’ve probbaly guessed why i wrote gold car in the title: but why golden hour? Well ‘i’ve been shooting for an year and a half now in i realized that sometimes you can’t get a good photo even even you put in all your efforts while in other circumstances you need almost no preparation to have a superbe image. And that’s mainly beacuse of the light. You need a proper light to reach your target: for example for me it’s almost impossible to make a good shot at noon:i mean it’s a great moment for an event coverage or to capture action but in my opinion it’s not the best moment for a single car (or bike ) coverage, especially if  it’s a triumph of reflections like this.

Probabilmente avrete indovinato il motivo per il quale ho scritto “gold car” nel titolo: ma per quale motivo “golden hour”? Beh ormai faccio fotografie in questo ambito da un anno e mezzo circa ed ho ormai capito che a volte non si riesce a tirar fuori uno scatto decente nemmeno ricorrendo a tutte le proprie energie mentre in altre circostanze le foto vengono praticamente da sole, al primo tentativo e senza preparazioni particolari. E tutto ciò è dovuto principalmente alla luce. C’è bisogno della luce adatta per raggiungere i propri scopi: per me ad esempio è quasi impossibile realizzare un’immagine che mi soddisfi a mezzogiorno: nel senso, è un ottimo momento per scatti collettivi, d’azione, durante gli eventi ma a mio avviso non è il miglior frangente per un servizio su un’auto (o una moto), specialmente un trionfo di riflessi come questo.

Only few of these pics are taken during the so called “golden hour” (which are the first and last hour of sunlight during the day) but comparing them to the others taken in the central hours gives you the idea of the effect it’s possible to obtain. Long shades, warmer and softer light and deeper reflections thanks to the diifferent color of the sky. And when you’ve so much chrome and metalflake it can only get better.

Solo alcune di queste foto sono state scattate durante la cosiddetta golden hour (che sono rispettivamente la prima e l’ultima ora di luce solare della giornata) ma confrontarle con le altre fatte durante le ore centrali aiuta a rendersi conto degli effetti che è possibile ottenere. Ombre lunghe, luce soffusa e calda, riflessi più corposi grazie alle differenti tonalità del cielo. E quando c’è così tanto cromo e metalflake le cose possono solo migliorare.

Oh, i nearly forgot to say where i saw this magnificent lowrider: it was one of the stars of the last Cruisin’ Rodeo and it grabbed many awards thanks to its perfect realization and to the overall levell of the built.

Ah, quasi dimenticavo di dire dove ho incontrato questo superbo lowrider : era una delle protagoniste dell’ultimo Cruisin’ Rodeo e si è portata a casa numerosi premi grazie alla sua realizzazione perfetta ed al livello generale del progetto. 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s